Inaugurata al Rimuseum la rassegna “L’ambiente ha un senso”

eco

Inaugurata questa mattina, al Rimuseum, Museo per l’Ambiente dell’Università della Calabria di Commenda di Rende, la seconda edizione della rassegna di ecocultura “L’ambiente ha un senso” “Il sapere dà sapore”. Presenti all’evento, personaggi di spicco della cultura territoriale, come il Prorettore dell’Università della Calabria, Guerino D’Ignazio, la responsabile del Rimuseum, Vittoria Carnevale, il Presidente del Museo di Storia naturale ed Orto botanico dell’Unical, Pietro Brandmayr, il Comandante regionale del Corpo forestale dello Stato, Giuseppe Graziano, il Presidente del Consorzio del bergamotto, Nazario Palmieri, il neo sindaco di Montalto, Pietro Caracciolo, numerose scolaresche dell’area urbana e della provincia e cittadini. Il programma dal 28 a sabato prossimo 31 maggio , darà la possibilità ai giovani studenti calabresi delle scuole dell’hinterland e non , di “assaporare i gusti” della cultura dell’Alimentazione , ambiente, salute e sviluppo sostenibile. Riflessioni e spunti danno spazio alla conoscenza che apre una nuova frontiera biologica ed eco-ambientale. La rassegna, organizzata insieme a Coldiretti, Fondazione Campagna Amica e numerose aziende del settore agroalimentare, prevede anche una serie di conferenze, in collaborazione con il Dipartimento di Farmacia e Scienze della Salute e della Nutrizione dell’Unical, con l’intento di accrescere la consapevolezza verso il territorio e il senso di responsabilità nei confronti del patrimonio ambientale ed enogastronomico regionale. Un programma molto ricco apre le giornate:

  • “Officina del gusto: è l’ora della ricreazione”: un percorso per studenti di scuola secondaria Superiore sul cibo, e le sue proprietà nutrizionali;
  • Il Museo delle Farfalle “Lepidoptera”: farfalle provenienti da tutto il mondo, libere di volare in una grande cupola, avvicineranno i visitatori all’importante ruolo biologico che rivestono;
  •  Mostra “Insecta: universo a sei zampe”: una esposizione di terrari con numerosissime specie viventi di insetti appartenenti a diversi ordini;
  • Le Eco‐avventure di ECORì: il Sapere dà Sapore”: spettacolo teatrale dedicato agli studenti della scuola primaria e dell’infanzia;
  • Laboratori creativi di recupero dedicati agli studenti di ogni ordine e grado;
  • Ciclo di conferenze per gli studenti di scuola secondaria superiore dedicati ai temi: alimentazione sana e salute, agricoltura ed ambiente;
  • Biofestival: una esposizione fieristica con stand di produttori calabresi dedicata al “biologico”, all’agricoltura sostenibile, chilometro zero e filiera corta;
  • Mostra “La mostra del riciclo” organizzata e realizzata dall’ Istituto di Istruzione
  • Mostra dell’Ist. Superiore “Leonardo Da Vinci” di Castrovillari (CS), dove gli studenti con creatività hanno realizzato abiti ed accessori con materiali provenienti dai rifiuti.
  • Vetrina delle Ecoscuole che si sono distinte, nel corso dell’anno, per buone prassi e comportamenti ecosostenibili.  ITIS Monaco partecipa con “Il giardino itinerante dei colori e dei profumi mediterranei” e il laboratorio di robotica.

La realizzazione di un’aiuola su ruote di erbe e piante officinali profumate avvicina alla “scoperta” di piante aromatiche dimenticate, appartenute alla cultura contadina, alla nostra storia civiltà mediterranea. “Dalle piante ai profumi e ai saponi è un percorso inclusivo che ha la finalità di avvicinare oltre alla cultura del giardino ecologico tutti gli allievi e in particolare quelli con bisogni educativi speciali (BES). Sono proprio tante le finalità di questo piccolo giardino itinerante: imparare a osservare la metamorfosi cromatica cangiante in poco spazio, scoprire come gli aromi possono regalarci piacevoli emozioni, promuovere la “cura” della biodiversità, far conoscere le caratteristiche morfologiche e botaniche delle specie arboree ed erbacee, conoscere le sostanze aromatiche ed estrarne oli essenziali attraverso la distillazione, realizzare profumi e saponi secondo l’antica tradizione dagli scarti degli oli della cucina. Un’ aiuola dinamica, che “vivifica conoscenze, che insegna a guardare con nuovi occhi e a non smettere mai di crescere… e ad andare “oltre” l’armonia estetica.

IMG_20140528_102358IMG_20140528_102715

 

 

 

 

 

“Imparare” facendo è il principio seguito anche dal laboratorio di robotica. La Robocup, ormai consolidata da tempo coinvolge più indirizzi del nostro istituto, e ha raggiunto traguardi mondiali (vittoria Robocup nel 2012 a città del Messico e a Riva del Garda, a Pescara, Comenius MITEU SHOW ); tali risultati eccellenti hanno tradotto motivazione degli allievi e aggiornamento dei docenti e di integrazione con il territorio nonché di raccordo con le scuole primarie e secondarie di primo grado, promuovono il successo scolastico di tutta la “squadra” e specialmente gli allievi con bisogni educativi speciali BES, non possono che trovarne vantaggio, in una didattica “fresca” vicina alle loro peculiarità di apprendimento.




Comments are closed.