Sanremo vola con Il Volo

Conclusa la 65^ edizione del Festival di Sanremo: a vincere è stato Il Volo. I “tenorini”, tre ragazzi dall’aria posata, sono la rivelazione della manifestazione.

Sono approdati sul palco dell’Ariston con la volontà di portare il pop lirico nelle cuffie dei giovani italiani. Già dopo la prima serata il loro brano “Grande Amore” era primo della classifica di iTunes: si può dire che sono riusciti nel loro intento.

L’esibizione finisce con una standing ovation che non si sarebbero mai aspettati. Gianluca, che quel giorno ha compiuto 20 anni, si è anche commosso. «Nulla è scontato. Siamo voluti tornare in Italia, abbiamo voluto rischiare, ma non ci saremmo mai aspettati tutto questo successo..Vogliamo dire grazie, perché l’Italia ci mancava tanto e ora ci piacerebbe molto poter restare un po’» queste sono le sue parole al termine del festival. I tre giovani sono grati al pubblico dell’Ariston dal quale hanno ottenuto una “quasi” unanime approvazione.

Come ogni edizione che si rispetti anche questa volta non mancano pesanti polemiche sui vincitori del festival. Roberto Cenci, il regista che ha tenuto a battesimo il gruppo, scoprendoli a “Ti lascio una canzone” quando ancora erano dei bambini, e Tony Renis, il famoso cantante che grazie alle sue conoscenze oltreoceano ha permesso ai tre di sfondare nel mercato americano si lamentano di non aver ricevuto nessun ringraziamento, neanche una telefonata in privato.

I tre ragazzi de Il Volo si difendono dalle accuse di ingratitudine e contrattaccano: «Troppa gente si sta facendo pubblicità con il nostro nome. Questa storia deve finire». I ragazzi si dicono a pezzi e affranti per questa situazione. Dovrebbero essere felici e invece sperano solo di non essere più messi in mezzo a  questioni che non li riguardano.

Comments are closed.