La storia delle cose

Perché riciclare? Ce lo domandiamo ogni volta che ci troviamo qualcosa tra le mani: il gesto che ci viene spontaneo è gettarlo nella spazzatura indifferenziata consapevoli o meno di contribuire all’inquinamento globale del nostro pianeta.

Ma ci siamo mai chiesti cosa c’è dietro quell’oggetto? Non proprio, usiamo gli oggetti senza curarci della loro provenienza, dei materiali di cui sono composti, se sono nocivi per l’uomo e per l’ambiente.


Ogni nostra azione produce inquinamento: anche la più comune, come per esempio leggere un giornale o bere un’aranciata; non sarebbe nulla, se non considerassimo che ogni giorno nel mondo vengono stampate milioni di pagine, costruite milioni di bottiglie in plastica o lattine in alluminio, assemblati milioni di oggetti e mobilio per le nostre case.

Il MO.C.I., organismo di volontariato internazionale, ha dato vita al mercatino del riuso che è reso possibile dalla collaborazione attiva di volontari, di migranti che desiderano svolgere attività per integrarsi e di moltissimi giovani che vogliono impegnarsi e fare esperienza di servizio.

Per informazioni:
Telefax: (+39) 0984 414713
E-mail: mocicosenza@libero.it
Cellulare: (+39) 329 0565519

La consapevolezza dell’importanza del riuso e riciclo, come modalità virtuosa di gestione dei rifiuti ad impatto ambientale zero, rende fruibile un’esperienza di “produzione critica” volta a trasformare quello che appare come rifiuto in fonte di reddito ed oggetto di lavoro creativo.

Questa significativa attività vuole sottolineare l’importanza dello scambio e della cooperazione come principi regolatori dei legami sociali.

Un filmato molto utile ed interessante è visionabile su questo link:  la storia delle cose

Per informazioni o donazioni all’associazione :  Moci ong

p006_0_1